Paggena:'O funneco verde.djvu/23

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.




ATTO SECONDO
'A DISGRAZIATA


Stanza terrena con le pareti semplicemente attintate con porta in fondo, e senza alcuna laterale. Ammezzato praticabile, al quale si accede per mezzo di scala in legno a scalini larghi. Un piccolo tavolo di legno grezzo ed una cassa di legno a scalini larghi. Un piccolo tavolo di legno grezzo ed una cassa di legno anche grezzo; poche sedie ordinarie. Sul tavolo vi sarà una immagine della Madonna con lampada accesa.


SCENA I.


Rosa indi Biasiello


Rosa (seduta che lavora le calze) — Aggio fatte cinche scagniente! Mo li conte n'auta vota, voglio vedè si songhe tante... (conta) Una doia... treie... ecc.
Biasiello — Siè Ro, se pò trasì?
Rosa — Trasite D. Biasiè. Che r'è cu vuie nce vonne li cerimonie!
Biasiello — Aggio saputo che stammatina è arrivato Ciccillo, songhe venuto subeto pe lu vedè.
Rosa — Già, è turnato chillo bello figlio mio. Si vedite cumme se è fatto nire!
Biasiello — E addò sta mò?
Rosa — S'è appesuliato nu poco ncoppa a lu lietto, pe se fa na mezz'ora de suonne! O' povero figlio steva stanche, nun saccio quanto iuorno è stato de mare.
Biasiello — Ave ragione! Ave abbesuogne e ripose. Nun fa niente io mo aspetto, quanno se sceto, tanno lu veco.
Rosa — E parlate zitto... zitto pecchè sta durmenno ncoppo 'o mezzanino. Io mo le steva fecenno stu pare de cauzarielle, pe nce lu fa mettere frisco, frisco!