Paggena:'O funneco verde.djvu/19

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
17
atto primo
ingegnere mio! Ma vuie pecchè me pigliate io songe nu galantome! Avite distinguere lli perzone!
Mimì — Ma io nun v'aggio offeso certamente! mannateme cu na scusa quei fattorini, e facite la spia se viene l'ingegnere capo!
Peppino — Comme fosse na cosa de niente! Io fatico nove ore a lu iuorno pe na Lira e 80, vale a dire a 4 solde all'ora, mo ci aggiungo pure quest'altro incarico! e io nun nce pozze ascì! M'avite consignate la tavuletta mmano e io me songhe state zitto! Alla fine io sono di buona famiglia. A necessità me fa sta ca bascia. Nce ave corpa a capa mia!
Mimì — Tenite pigliateve stu sicarie abbaste che ve state zitto!
Peppino — A voi nun ve pozzo negà niente (piglia il sigaro) Belli figliù aspettateme a lu pontone de lu vico pecchè avimme piglià cierte mesure a chella parte (agenti viano)
Mariella (Fra sè) — Che saccio nu core me dice trase dinto e vattenne cu mammete; e n'auto core me dice aspietto a Papele! Chillo me a fatto tanti belle prumesse... me à ditto che appriesso m'avarria spusate!...
Peppino — D. Biasiè... diciteme na cosa sta tavulette addò l'avarria nasconnere?
Biasiello — Pecchè nun vulite faticà chiù!
Peppino — L'ingegniere tene da fa, e me a mannate accattà o pepe, chesta cosa mmano me da mpiccio!
Biasiello (guarda Mimì che si accosta a Peppenella) — Ah! aggio capito! O 'ngegnere spierto apierto l'uocchie cu la guagliona!
Peppino — Vuio site omme e munne, sapite sti cose!
Biasiello — Dateme sta tavulella, ve la metto cà dinto a nu vascio... Quanna à vulite me lo dicite... (entra nel fondaco)
Peppino — Grazie tanto... (E io mo vaco a fa la spia!) Ingegnè cummannate cose?
Mimì — Vattenne nun me seccà!
Peppino — Vi che passe pe na prubbeca a lu iuorne... songhe arrivate a fa pure lu ruffiane! (via)
Mimì (accostandosi a Peppenella) — Bella figliò... Comme ve chiammate?
Peppeniella — Puzzate sculà!
Mimì — (Tu e mammeta!) Ma è maniera di risponnere a nu galantome chesta?
Peppenella — E vuie pecchè ve vulite arrubbà a casa nosta?
Mimì — Meglio... Mo so pure mariuolo! Ma chi te vò