Paggena:'O funneco verde.djvu/18

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
16
'o funneco verde
Peppino — Meno male avimmo avuto n'aiuto!
Alessio — E che vaie facenno pe chesti parte?
Mimi — Io vado piglianne li mesure; ma chesti femmene nun nce li vonne fa piglià!
Prezetella — E li vene a piglià a li case noste li mesure? Pecchè nun se li piglie a la casa soie.
Biasiello — Zitte voi ciantelle! Non capite niente!
Alessio — Bravo D. Biasiello! Mettete voi un poco di ordine.
Biasiello — Nun dubitate, mo li faccie sta a duvere io!
Mimi — D. Alessio, voi comme ve truvate pure cà!
Alessio — Songhe venuto per la commissione igienica.
Peppino — E avete avuto l'istessa accoglienza nostra?
Alessio — Qualche cosa di peggio! E se nun nce fosse state qui D. Biasiello, che è il capo de lu quartiere nun avarria susuta la partita. A proposito D. Biasiè ve lo raccomando questo signore è amico mio!
Biasiello — L'avite raccomandate a me e nun nce penzate propete chiù mo me lu beco io! Avite sapè ingegnere mio che chesti cà songhe...
Alessio — Tutte gente ngnurante.... Mo te lu dico io primme d'isse, pecchè io saccio la canzone!
Biasiello — Ebbè me avite levate la parola da vocca?
Alessio — Aggie pazziate, ma nun ve pigliate collera pe chesto!
Biasiello — Pazziate sempe, cu salute!
Alessio — Mimì statte buone, che io vade de presso pecchè nun aggio ancora finito il giro... (piano) Tu cu nu poco de prudenza, cerchi di persuaderle. Povera gente è la miseria che le fa fa sti cose. (forte) D. Biasiè ve lo raccomando! (via)
Biasiello — Nun nce penzate!
Mimi — D. Biasiè io dovrei lavorare nu poco, ma se nun ne mannate sti femmene, io nun pozzo fa niente.
Biasiello — Siè Rosa, vuie che site a chiù vecchia, iatevenne a parte e dinte, date vuie assempio.
Rosa — Mo me ne vaco, e levammo accasione!
Prezetella — (a Mimi) Siente nun t'accustà vicino a casa mia pecchè piglie 'o zuocchelo e te sciacco! (via con altre donne)
Rosa (a Mariella) — Iesce a parte de dinte... allicordete chello che t'aggio ditto... si no songhe guaie... ma guaie guaie gruosse! (via)
Mariella — Abbiate nnanze che io vengo appriesso!
Mimi (piano a Peppino) — D. Peppì vorrei dire due parole a chella guaglione, che è bona assaie, teniteme vuie mane!
Peppino — E cheste nce mancave de la pure lu ruffiano