Paggena:'O funneco verde.djvu/17

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
15
atto primo
Peppino — E nun fa niente venimmo più tardi pe vedè se putimme lavorà nu poco!
Mimi — Io nun dicevo chesto! Dicevo oh! che peccato! Che chella figliola è accussì bellella è a da sta cascia! Se fosse na signorina io la sposerei!
Peppino — Ingegniè, nun è momento de fa sti poesie, ca stamme passanne sti quatte guaie!
Mimi — Che bel tipo!!
Peppino — Avite vedè il tipo delle mazzate che avimme appriesso.


SCENA VII.


Prezetella ed altre donne indi Biasiello, Alessio e guardie


Prezetella — Addò stanne! Chi se vò piglià li case noste?
Rosa — Li biccanne songhe venute a piglià 'a mesura!
Prezetella — E pecchè nun se piglieno a mesura de lu tavuto lloro.
Peppino — All'ossa de mammeta!
Prezetella — Guè nun ve facite prorere a capa de trasì dinte a casa mia, pecchè io piglie la mazza de scope e donche mazzate de cecate!
Rosa — E dinte a la casa mia manco li voglie, si no faccio succedere na ghrisse!
Mimi — Ma persuadetevi che qui nessuno vi farà niente nuio pigliammo sultante li mesure.
Rosa — Comme doppe tant'anne che stamme cà, mò nce ne vulite caccià? Nuio cà simme nate e ca vulimmo murì. Avimma dà cunto a vuio?
Alessio (dal fondaco) — Che puzza! Che fetenziaria! Io nun saccio cumme nce ponno durmì la dinto!
Biasiello — Avite visto chillo ciuccio malato che steva dinto a nu vascio?
Alessio — E là era nu cimitero addirittura... Guardia... facite subito levare 'o ciuccio, e poi fate subito fare nu lavaggio generale... e fate imbiancare tutto quelle case che sono segnate nella nota.
Guardia — Vi servo subito Signor notabile (via).
Alesio — D. Biasiè, che d'è stu ruciello!
Biasiello — Che r'è lloco? pecchè state lloco tuorne?
Rosa — D. Biasiè, li bedite a chiste npise, se vonne piglià li case noste!
Alessio — Ah! sono l'ingegneri municipali! (vedendo Mimi) Uh! che vedo Mimi!
Mimi — Uh! D. Alessio mio, me capitate propio approposito.