Paggena:'O funneco verde.djvu/15

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
13
atto primo
SCENA V.


Rosa e detti.


Rosa (dentro) — Me avite arruvinata na casa! Uh! povera casa mia!
Mariella — Vattenne Papè, sta venenne mammà, nun te fa avvedè!
Papele — Pienzece buone a chelle che t'aggio ditto! Io chiù tarde vengo n'auta vota. Pienze a lu bene che te voglio (via).
Rosa (fuori) — Ah! Galiote! Anno poste a casa mia sotte e ncoppa... Anno ditte che se a da ianchià, pecchè steva tutta sporca. Fusse accise tu e chi te ce à mannate ca bascio!
Mariella — Nè mà, pecchè allucche! che te è succiesso?
Rosa — Ah! Sbruignata de li cane, si benuta?... Mo l'arraggie che tengo me la sconto cu tico!
Mariella — Ma pecchè staie arraggiate?
Rosa — Uh! sbriugnata, e me l'addimmanna pure! Che te ne sì fatte tutte sta iurnata, addò sì stata?
Mariella — Songhe state ncoppa a du Nannina!
Rosa — Nun è overo!
Mariella — E quanne nun o cride addimannancello!
Rosa — E che vaie a fa sempe ncoppa a du chella malla pezza! Va trova che state cunfabulianne tutte e doie Nvece de ciuncà a nu pizze a faticà ncoppa a li stole, tu te ne vaie nzuzulianne nsieme cu chillo npiso de lo nammurate tuie!
Mariella — Uh! Oi mà! e lasseme fa chello c'aggia fa!
Rosa — Uh! Faccia mia! Accussì rispunne a mammete! A na povera vecchia che se fatica lu spirete suio pe te dà a magnà! Sa che t'avviso! Quanno è a fa sta vita, nun nce venì chiù la casa mia! Vattene a n'auta parte, pecchè io nun pozzo dà a magnà na sfurcate comme a te.
Mariella — Me ne vulesse ì averamente io, avarria iusto abbesuogne de stu poco 'e magnà fetente che me daie.
Rosa — Uh! gente! avite ntise... avite ntise che ave ditte!... Ma scuorno ne tiene o nun ne tiene a sta faccia... Ah! che le voglio tirà tutte li capille da cape (si avventa su Mariella)
Mariella — Mà avascia li mane pecchè io faccio la pazza!...
Rosa — Niente, tante songhe cuntente quanne se ne vene la trezza mmane.