Paggena:'O funneco verde.djvu/14

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
12
'o funneco verde
dice Papele tuio che te vo bene, che darria la vita soia si attocca, per farte fa la signora!
Mariella — Ma, lasseme sentere, che vularrisse che io facesse?
Papele — E me l'addimanne n'auta vota? Siente a me, lasse a mammate e a soreta, levete da dinta stu funneco, na vota pe sempe. Mo che sì figliola videtenne bene della vita toia, miette apprufitte 'e bellezze che tiene; si no quanno si becchia che t'allicuorde? Ch'e fatte sempe stole pe tutte lu tiempe che è campate?
Mariella — Ma quanno parle de chesta manera pecchè nun me spuse lesto, lesto, e accussì me lieve da dinto a lu funneco.
Papele — Se, se nzora marisse e se piglia a maressa! Io nun tengo nè arte nè parte, tu nun tiene niente, e che ghiamme facenne tutte e duje.
Mariella — Nun fa niente, io me cuntento de me murì de famme abbaste che tu me spuse.
Papele — Parle mo accussì, ma quanne è tanne è n'auta cosa, Mariè siente a Papele tuio, lievete sti crapicce dà capa... Vide che purzì Nannina, se à fatto nu poco tennere e pò a prummise a Vicienzo che se ne fuieva cu isso.
Mariella — E chella è Nannina, e io songo Mariella, e cu mico nun la spuntarraie.
Papele — Pe sta capa tosta che tiene, cu tutte lu bene che te voglio, pure nu iuorne de chiste, se me avotene 'e chiocche, te la faccia na sfrittola nfaccia.
Mariella — Overo?... E pò a me, me avive truvate scema... scema. E io nun te sacia chiavà na spatella de Genova dinta a panza.
Papele — O' vularria vedè?
Mariella — E tu pruovete a farme nu teccheto, e vide se io nun te mantengo a parola.
Papele — Vattè Mariè io aggi pazziato! Io te vularraggio sempe bene, e se te ne fuje cu mico, io appriesso te lo ghiuro che te spusarraggio!
Mariella — Ma quante pò sarrà chesto?
Papele — Quanne tenaraggio quacche cosa 'e sorde!
Mariella — Ebbè, quanno è fatto 'e sorde, viene a chesta parte, che cà me truove.
Papele — Vò dicere, che io aggia apprimma spusà, eppò te porte cu mico!
Mariella — E se capisce, avimma ire primme nnanze a 'o parrucchiano e pò me puorte addò vuò tu!
Papele — Io te sapevo comme a na fauza e na traditora ma mo me ne songhe propete persuase. Ma se pozze perdere lu nomme de Papele, se pe tutta stasera io nun te porte nzieme cu Nannina!!...