Paggena:'O funneco verde.djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
10
'o funneco verde
Rosa — Ave ragione Prezetella, e che ghiate facenno, nvece de dà a magnà la povera gente che se more de famme, vuie iate truvanne tutte sti peleie.
Brigida — E sì! stu signore se ne è venuto tinche! tinche! Isso tene la panza sazia, pò vene ca bascia a fa 'o frulocco!!
Alessio — Nè D. Biasiè?.. Ebbè, cheste me stanno insultanno me pare! E vuio site 'o capo du quartiere, e nun le dicite niente.
Biasiello — Lasciateli sfugà nu poco, pò me mette io miezo e faccio fenì tutte cose.
Alessio — E cheste me ponno pure vattere, e vuie ve state zitte... Meno male che tengo li guardie... (alla guardia) Capurà, facite subito levà chille cenci da là appise! (La guardia esegue)
Brigida (alla guardia) — E lassa stà! Mo lu faccio io... si no me li stracce... Vuio vedite che se passe cu sti quatte magna franche!... Puzzate passà nu guaie... nu guaje avite passà nnanze stasera (piglia i panni e via nel fondaco).
Alessio — Ma pe cumbattere cu sta gente, nce vo lu stammeco de bronzo. Chella mo me à ditto nu sacco de male parole e io me l'aggia avuta zucà! E dire che noi lo facciamo per il loro bene!
Biasiello — E che nce vulità fa. Signore mio, ve l'aggio ditte che cheste songhe gente gnurante! Nce vo 'a pacienza.
Alessio — Iamme a fa la visita nu poco là dinto, figuriamoci che nce à da sta de sporchizia, già io aggio pigliato le precauzioni (piglia un flaccon dalla tasca ed odora).
Biasiello — E che r'è chesto mò?
Alessio — Chesto è aceto aromatico, serve per i miasmi.
Biasiello — Pecchè serve?
Alessio — Per i miasmi!
Biasiello — Vedite comme vo pazzià 'o Cavaliere... isso dice cierte parole accussì curiose (ride) Signò cheste so tutte gente ngnurante!
Alessio — (Isso è chiù ciuccio dell'auto, e vo fa 'o dotto) (Si avviano)(vedendo la paglia per terra) Sè Rò, bella mia, vuie sta paglia l'avita levà da ca miezo, v'aggio ditto che chesta è via di sbarazzo, e cà fora non nce po stà, sta roba! Mettiteve a faticà a parte 'e dinte.
Rosa — Comme io songhe antica de lu quartiere e me dicite chesto a me?
Alessio — Tu sarrai antica de lu quartiere, ma ca fora nun nce può sta!