Paggena:'O funneco verde.djvu/11

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
9
atto primo
Verde, cà nce stanno tutte nbagliasegge, stulare, e purzì li maruzzare.
Alessio — E chesto 'o saccio, io songo antico del quartiere, te pare me vuò nparà tu a me (vedendo i panni) Oh! e de chi songo sti straccie appisi? Chiste nun ponno stà lloco, levateli subito, pecchè sono contrarii alla pubblica igiene.
Biasiello — Iamme, belli figliò, avite ntise a lu Signore, levate subeto sti pannuccie appiso, pecchè songhe contrario a lo ncienzo!
Rosa — Signò, aggiatece pacienza, vuie site nu brave Signore, e comme tenite la faccia tenite lu core; chisti pannuccie l'appise chella povera Prezetella che tena la criatura malata, e si nun se asciuttene a lu sole cà fora chella nun la pò cagnà.
Alessio — Ma cara mia, io nun aggio che te fa!... chiste songhe affari che nun me riguardano, questa è via di sbarazzo, e nun possono sta sti cenci appise, e poi ti ripeto, che si tratta della pubblica salute, e perciò nun nc'è che fa? Sinò ve faccio pagà la multa e accussì n'auta vota ve nparate e nun li mettite cchiù appise!
Rosa — A murda? Signò vuie state cu la pazzia! e addò ve la pigliate, nuie autri pezzienti cà bascio, nun tenimme che magnà, e ve pagamme a murta a vuio?
Alessio — Questo è un affare che ve la vedrete cu lo Pretore. Intanto chiammate sta femmena che venesse a levà la roba da miezo.
Biasiello — Ubirite subito 'o Signore Cavaliere! Avite ntise? Signò quante vulite na cosa dicitela a D. Biasiello e nun ve ne ncaricate chiù!
Rosa (chiamando) — Nè Prezetella!... Prezetè... (così diverse volte).


SCENA III.


Brigida e detti


Brigida (dentro) — Nè, si Ro che vulite?
Rosa — Viene cà fora che nce sta nu signore che vò a te!
Brigida (fuori) — Nu signore va truvanne a me, e addò sta?
Rosa (caricando) — Nce sta nu Signore cavalliere che vene da coppa a lu Municicolo, ave ditte che cà fora nun ponno sta appise sti pannuccie de la criature, pecchè fanno venì la malattia a la gente!
Brigida — Ah! Iete! Iete! Signò, manca se li tenisseve sine ncoppa la vocca de lu stommeco.