Paggena:'O funneco verde.djvu/10

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
8
'o funneco verde
Biasiello — No!... vuie nun v'avite affennere, pecchè io accussì saccio parlà.
Alessio — E parla nu poco meglio, figlio mio!
Biasiello — E pò, doppe tutto chesto, io sacio tenè pure la penna mmmano... Neh!... Siè Rò... parlate vuie, dicitele a lu cavaliere che lettere io scrivo a lu figlio vuoste, che fa lu surdate!
Alessio — Voi tenite nu figlio militare?
Biasiello — Non signore militare! Sta facenno lu surdate!
Alessio — (Sta bestia m'indispone). E vale lo stesso! E dove sta?
Rosa — Signò sta luntane assaie, sta Assabia!
Alessio — Ah! Sta in Africa!
Rosa — Già sta mmieza chella brutta gente nera, nera... Va trova si lu veco chiù a chillo povero Ciccillo mio!
Alessio — E sta proprio in Assab... o pure a Massaua!
Biasiello — Sissignore... Sta a Massaluna... io lu saccio pecchè le faccio la direzione ncoppa a li lettere.
Alessio — E pecchè quella femmena à ditto Assabia?
Biasiello — E cheste songhe gente gnurante, capiscone sti cose? fanno ogne erba fascio!
Alessio — Vuio site lu dotto che sta ca mmiezo?
Biasiello — Per servirlo!
Alessio — (Tena la faccia tosta)! Oh! D. Biasiè, credete che potessimo nu poco fare stu giretto!
Biasiello — Sicuramente!! Diciteme che avimma fà? pecchè site venute cà bascio?
Alessio — Ah! nun l'avite capite ancora?
Biasiello — No... nun aggio capite de che se tratte!...
Alessio — E facite tante ammuine! IO vado girando con la commissione igienica, per la nettezza, per la pulizia di questo rione, ed anche per vedere se vi sono cibi adulterati.
Biasiello — Nsomma vuie iate vedenno, tuorne, tuorne addò stà la munnezza pe la levà?
Alessio — Chisto, una vota, me à pigliato pe munnezzare.
Biasiello — Mo ve accumpagne nu poco io, e ve faccio abbedè che bella scupate facimme tutte 'e duie.
Alessio — Iamme facenno li scupature. Però, nun tanta chiacchiere ed andiamo avanti.
Biasiello — Ecco cà, Cavaliè, chisto cà è lu Funneco