Lo cunto de li cunte/A li vertoluse lejeture napoletane

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
 
[p. 5 càgna]

A LI VERTOLUSE LEJETURE NAPOLETANE

Masillo Reppone

M Ute llustre Segnure, e Ppatrune mieje Colennissime. La commesechiamma vostra è accossì pporposa, e mmassiccia, che m’ha schiaffato la penna ’nmano, e mme fa ffare senza vregogna sti quattro scacamarrune nforma de suppreca, azzò che pe mmeserecordia vogliate defennere no poveriello, che ccome frostiere è ghiuto de porta ’nporta cercanno pe llemosena quarche pparola Napoletana.

Aggiate però nformamiento, la qualemente cosa no Stampatore, che s’è ’nnamurato co ’Napole, co ttutto cche ssia nato diece cento miglia lontano, ha boluto tornare a stampare chest’autra vota lo Canto de li Cunte Trattenemiento de li Peccerille de lo Cavaliero Giammattista Vasile, che se voze fa chiammare Gian Alesio Abbattutis, nè ssapenno addove sbattere ha dato de pietto a mmene, che l’avesse corrietto, perchè l’agresta de l’utema stampa l’avea fatta na magriata de manera, che mmanco lo Patre (che il Cielo [p. 6 càgna]l'accoglia ’ngloria) se fosse vivo, l’averria canosciuto pe ffiglio sujo. Io mò, ch’aggio no core de premmone, e na porta a la volontate, che ssubbeto ad ogne ttozzolata se spaparanza, prommesse cod’ogne ccaretate a na semprece aperta de vocca farele lo servizio; e ttantocchiù che se trattava d’ajutare no povero Papillo, figlio de no Patre tant’addotto, sbejato ’nciento milia arrure de la mala pratteca de il Sonature. Aggio fatto lo ppossebbole per le schiaffare ’ncuorpo chello, che le mancava, azzò che se fosse ammennato, e ffattosse conoscere comm’era nato.

E che non aggio fatto? mme sò ppuosto drinto a li sopprezzie de notte, e de juorno pe llevarelo da tanta porcarie. Ma dapò d’averence fatto cheste, e mmutt’autre fatiche caretative, ciette Segnorine, li quale perchè pportano l’acchiale a lo naso, se credeno de dovere portare dereto tutto lo munno, co na storciuta de musso, e na sgargiata d’uocchie so ghiute decenno: E comme ave ardesciuto un ch’è nato al Jojo de venire a fare il Correjettore in cotesta Cività, e mmettere l’assisa a le ttorza? Merdarebbe il presentoso una crodelissima spoliatura. Un pugliese coppula, piatta far del bello ammore in una napoli, dove ’nce songo perzone che ppesano un cantaro l’uno, e ffuorze cchiù? [p. 7 càgna]Vedete se sa scrivere, e vuol far del saputello nella lingua Partenopea? qui ci vogliono due mm, quindi due ss, colinci due altre, e ba scorrenno.

Ora chisse mò se credeno de mm’ave trovato sulo, scavozo, ’ncaruso, e senza nesciuno pe mmene, e pprerzone io pe ffarele lo sommacco, e ddarele a conoscere che pparleno a squazzo, i non sanno nfi a rrummo e busso, de sta quarera me un’appello retto transeto a lo justo trebonale de li belle mgegnie vuostre, ed azzò che mme porzate dare raggione s’aggio tuorto, v’appresento sto scritto ’nfatte, e ’niuria. E ’mprimma ed antemonia sacciano le bostre mute ’llustre, ca io porzine, se ben non songo Napoletano aggio fatto le negregenzeje meje pe me mparare sso parlamiento, pocca quanno venette a sto pajese (che da ccà ad otto fanno decennove anne) me ne nnamoraje de ste belle parole, che mme parevano tante paraccune da potereme arrechire lo celevriello, tantocchiù ca m’allecordava d’avere lejuto a le Ppistole de Cecerone ad Atteco che chillo gran Pompeo ’Mparatore Rommano, lassaje lo pparlare latino, e boze parlare Napoletano, comme se n’accorze porzì chillo grann’ommo de lo Sommonte, che lo notaje a lo cap. 6. de lo lib. 1. de la Storia de Napole, perchè essenno lo pparlare Napoletano miezo grieco, [p. 8 càgna]e mmiezo latino, le pareva na minesca cchiù ssaporita. Io mo che so ghiuto sempre priesso a lo Grieco, pe mme ne saziare a ecrepa panza, no nce aggio lassato quartiere, chiazze, funnache,m viche, e bicarielle pe nfi a cchille, che no spontano; e co ttutto che lo Lavenaro parle de na manera, e ccotte pejo ha mutato 'n tutto lo pparlare, e lo muolo picciolo de n'altra: pure pe grazia de lo Cielo tant'aggio magnato vroccole, e ttorza, zzoè tant'aggio lejuto buon'Autore, che mme ne rentenno quarche pocorillo. Voglio dicere mò, ca saccio io porzì comm'hanno scritte chill'uommene de la maglia antica: e comme scriveno li modierne. Ma perchè lo pparlare Napoletano non fa comm'autre llengue che se portano appriesso l'addizionarie, comm'a dicere mo lo Latino s'ha ffatto lo Colapino, lo Toscanese ave li Cruosce, lo Grieco studia l'allesseco, e accossì tutte ll'autre Nnaziune: .... [p. 9 càgna]cercercanno sti variante, a cchelle pparole perrò, che non l'hanno pe nnatura lloro, nce ave puosto no cierto signo, che no Grieco lo chiammarria spireto, azzò che nce dassero chella bottecella, che cchisse nce vonno dare co ttanta mm, e ttanta nn, e ssenza chesso be lo sa lejere chi è Nnapoletano, ca chi è ffrostiere, miettece chelle lettere, che buoje: ca maje lo llejarrà buono se no le sente lejere a cquacche Nnapoletano, o ad autro che n'è pratteco a sto pparlare. Otra po ca starriano fresche ll'autre llengue, che pernunziano ciento miglia lontano da chello che scriveno. Ma chisto è no gliuommaro, che se lo volesse sciarvogliare nce ne sarria pe ccraje, pescraje, pescrigno, e prescuòzzo porzì. Vasta ca n'autro juorno se lo tiempo me leva certe zelle da capo, e ccerta rogna da cuollo, ve lo boglio provare co cciento regole d'Artocrafia; e ffuorze fuorze ve farraggio lejere li fenoneme, e ffrase de lo pparlare Napoletano, ch'aggio nfi mo adonate, co mmillanta milia asservaziune, e ve farraggio dicere; O buono affè, costui è merdevole di gran lode, perchè ha fatto cose che non han cureggiato di farlo i passeggiani.

Ora Colennisseme mieje chisto è lo scritto mio a ll'uso de Romma breve, e ccompennejuso, e se dirrite capiato nformazio supra sposeto; tenite pe ccierto, ca non [p. 10 càgna]sarraggio contomace; E co cchesto aspetto la settenzia nfavore, e quanno autro nò, sulo pe avere fatto la caretate co ttanta prontezza, che da stroppiato ch’era sto livro l’aggio fatto jettare le stanfelle, con che lassannove, le Segnorie vostre se covernano, mentre io preganno lo Cielo, che ve schiaffa no delluvio de buone juorne, mme requaquiglio.