'E scugnizze - Gente 'e malavita

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 

[p. 5 càgna]

FERDINANDO RUSSO


'E SCUGNIZZE

GENTE 'E MALA VITA

EDIZIONE DEFINITIVA





NAPOLI

LUIGI PIERRO, Libraio-Editore

PIAZZA DANTE 76

1920



[p. 7 càgna]





Questi Sonetti, — pei quali ho usato un dialetto plebeo che è quasi gergo, — devono considerarsi come ľInno melanconicamente ironico all’Infanzia abbandonata. Scugnizzi in balia del Caso fino a quindici o sedici anni, i miei piccoli eroi, fatti adulti, non possono altro diventare — meno qualche rara eccezione — che Gente ’e mala vita. Consideri la cosa, il Sociologo; e il fannullone non irrida troppo al sentimento che ispirò il Poeta. In quanto al Filosofo di professione, è pregato di non trarre dal fenomeno, se pur di esso si accorga, elucubrazioni cretine.

Napoli, ottobre 1920.

F. R.

Ennece[cagna]