Wikisource:Voce viecchie 'n vetrina

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Miseria e nobiltà, è n'opera 'e triato scritta 'a Eduardo Scarpetta pubbrecata 'o 1887:

Raffaele Viviani in Miseria e nobiltà, 1939.
Luis. Se capisce che me ne vaco, ma haje da vedè primme che te faccio!
Fel. Che me faie, che me faie? Me vulisse vattere.... di' la verità?
Luis. E che ne saccio, mo' vedimmo!
Conc. Lassatela, lassatela, si no chest ve fa jì ngalera!
Pasc. Statte zitta tu, si no te piglio a schiaffe!
Conc. Uh! me piglie a schiaffe a me!
Pasc. Sì, a te, a te!
Pup. Papà! papà!
Fel. Va bene, nun l'avisse maie ditto sta parola, voglio vedè che faie!
Luis. E po' lu bide!
Conc. Haje ditto che me piglie a schiaffe, a me! Te l'aggia fa annuzzà ncanna sta parola!
Pasc. E mo' vedimmo! (scambio d'ingiurie e d'invettive, a soggetto e volontà dell'attore.
Liegge tuttofernisce 'a letturaTriatoAti voce 'n vetrina

Francesca Bertini. Dint' 'o film muto d' 'o stesso nomme.

Assunta Spina, è n'opera 'e triato scritta 'a Salvatore Di Giacomo pubbrecata 'o 1909:

Federigo: Volete?
Assunta: (c. s.) E che ce vo?... Che v'aggia dà?

(Il dialogo segue rapido e basso. Torelli, di volta in volta presta orecchio, lasciando di scrivere).

Federigo: Niente.
Assunta: (sorpresa, incredula) Comme? Niente? (Un silenzio) Ce vonno 'e denare, 'o ssaccio... (risoluta) Ma io mme mpigno ll'oro, mme mpigno 'e rusette, faccio nu debbeto... Nun ce penzate!... Dicite!... Quanto ce vo? (lo afferra pel braccio).
Federigo: (dolcemente) Vi ho detto che non occorre.

(Campanello dalla 5.ª Sezione. La folla vi accorre, entra o si ferma davanti alla porta).

Assunta: (a Federigo, quasi tremante, sottovoce) Sentite... E dicite!... Parlate!... Nun ce vonno 'e mezze?... (Federigo fa spallucce) No?... E vuie mm' 'o facite pe senza niente?
Liegge tuttoTriatoAti voce 'n vetrina