Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/7

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

7

Xilografia Canto I (viaggio di Parnaso 1666)

CANTO I

I O canto la montagna de Parnaso,
E li fuonte, e Ciardine c’have a lato,
E a che mandrullo chi nce saglie a caso
Pe decreto de Febo è ncaforchiato,
Musa è la quinta vota, che de naso
Io dongo a st’acqua mò che so assetato.
Se vuoie crescere tu quanto te devo,
Famme na gratia sisca mentre vevo,
E tù che saglie, e scinne a boglia toia
Da llà ncoppa, e non haie chi te lo beta,
Segnò D. DIECO, e nnè la gratia soia
Te tene lo gran Rè d’ogne Poeta;
O de le Muse cuccopinto, e gioia,
Ansoleia dall’A pè fi a la nzeta,
Ca si me vene netta, n’autro iuorno
Lo nomme tuo lavoro a meglio tuorno.
Havea gia co lo tiempo, e co la sciorte
Iocato li meglio anne de la vita,
E perzo fi a li fielece, e le sporte,
Senza vencere maie nulla partita,
Tristo dinto, e peo fore de la corte,
Ca pe tutto è Bertù vrenna, ò redita,
A l’utemo no cricco desperato
Me disse, muta luoco, e muta stato.

Dove
A 4