Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/21

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
21
SECUNNO.

N’poco tiempo mprenaro, e perche spisso
La mmagenatione fa lo caso,
Fecero razza, che restaie ammisso
Ogne marito, e ne tornaie maruaso,
Ca nullo figlio è simele à se stisso,
E d’hommo havea la facce co lo naso,
Cossi foro ncommune de parere,
Ch’accidessero tutte le mogliere.
Ma no Miedeco buono, e letterato
Disse, vascia ste mano, ca cchiù bote
Sto mmedesemo caso s’è trovato,
Ca lo penziero grannemente pote,
Quanno le cerve havite vuie carcato,
Se bè da l’huommen’erano remmote,
Puro penzanno a lloro fermamente,
Ve so nate li figlie defferente.
Chesto mancaie l’arraggia uneverzale,
E à sficcagliare alliegro ognuno torna,
Poco a poco la forma bestiale
Se perde, e nullo cchiù nasce cò corna
Pur’hà non saccio che de l’animale,
Ne pe nciuria, ò vregogna maie se scorna;
Hora facciate mò gente pacchiana,
Perche so tanta cierve nforma homana.
Hora à lo Parco mò tornanno a chire,
Che de tant’animale è zippo, e chino,
Che cierto vide cosa da stopire
Ped’ogne strata, e ped’ogne cammino,
Tra l’aute, siente mò se vuoie stordire,
Ncè no gruosso, e maiale Babuino,
E me contaro cierto no stopore
Ca chisso ioca a scbiacche da dottore.

E che