Paggena:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/283

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 261 —


Arrobbo? Embè! È nu peccato, forse? No, pecchè io arrobbo a chi ne tene cchiù 'e me.

Salvatore


Ma, si' sempe nu mariuolo?

Aniello


Sì, è overo, m''o diceno tutte quante; e cchiù spisso m''o dice chi arrobba cchiù 'e me!

Totonno


Va buò! Nun ne parlammo cchiù.

Aniello


E pecchè? Io chello ca dico è 'a verità. Mo, m'aggio fatto piglià d''e guardie pecchè me murevo 'e famme. È l'unica carità c'avimmo d''o Guverno. Arrubbammo? Iammo 'a dinto, e magnammo. Comme vedite, pe gudè 'sta carità s'ha dda arrubbà a forza. E io arrobbo.

Salvatore


Va, ca si' n'ommo perzo!

Aniello


Eppure, tu nun si' meglio 'e me! Tu viene 'a ll'isola. (Salvatore lo guarda con disprezzo) Tu me guarde? Che mme vuò venì a dicere? Ca forse 'e' acciso p''annore?... Pe na femmena, forse?