Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/96

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
86
Signorine

IDA

...capace di propagare per tutti quanti una cosa innocentissima.

IMMACOLATINA Io ? Mo sei una birbante, mò.

IDA

Sì, sì, sì. E pure ad Alberto , sì, saresti capacissima di dirlo.

IMMACOLATINA c. s.

Io ? (Sentendo tante lagrime gonfiarle gli occhi) Chi del proprio cuor 1' altrui misura ! Questo ti dico, e me ne vado.

AMALIA

E sì, brava, va, va, va dentro, va.

IMMACOLATINA Ma na sorella come me non si trova sopr’ ’o mondo.

IDA

Una volta ! In ilio tempo /... Piccerella... hai capito 1 E mò debbo vedere eh’ è diventata così maligna.

IMMACOLATINA fra le lagrime, avvicinandosi ad Idù.

Ma vedete se io mi debbo sentire chiamare maligna, mammà, lo che la voglio tanto bene. Essa non me pò vede, da un tempo a questa parte. Forse pecche me vede nu poco cuntenta.

IDA anch* ella piagnucolando.

A mine? lo? Guardate, mammà, lo ho sempre goduto della sua felicità. Beh I Giuro su la Madonna di Pompei che qualche volta di questa mi piglio ve*

ramente il veleno, come la Persico...