Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/94

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
84
Signorine

IMMACOLATINA

Niente, mammà, (A Ida) sposalo, sposati Ilo, fa il tuo comodo. (Ad Amalia) Parlavo male d*Alberto Spina... Ecco sta piangendo, guardate.

IDA piangendo.

No... io... se piango... piango... perche... (È commossa).

IMMACOLATINA Pecche ’o papa nun è rre.

AMALIA ad Immacolatina.

Tu sei la più piccola e non ti devi intrigare di queste cose. Alberto Spina non sarebbe affatto un partito cattivo. (Riscaldandoti) La colpa è mia che ho permesso quacche ghiacovella, in questa casa , per lo

passato. (Un silenzio imbarazzante per tutti).

IDA

Con quell’ altro, c ingannàimo tutti quanti. Lettere ’ncopp* a Mettere... alla musica nella villa... la sera al caffè Diodato... Poi venne in casa... e...

AMALIA

E... adesso stiamo il padre, il figliuolo e lo Spirito Santo: te menaste nu poco ’e capa...

IMMACOLATINA fra i denti.

E 11’ amico spari.

IDA un pò fra le lagrime.

Ma forse so* io che nn’ ’e mando ?

IMMACOLATINA

Ehi Chi sai Giusto comme fai tu si trattano i cor'

teggiatori...