Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/93

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
83
Signorine

IMMACOLATINA

Sì! Acqua e zucchero! Scarpitte sta rìdendo ancora! Poi per chi, neh? Per un beduino, nu zingaro. Vedete se era nu matrimonio possibile... L* ideale !... Gnorsì. Il zingaro passò con la carovana; fece quatto gioche a Mergellina, stagnai nu pezzo di ramina e se n’ andò.

IDA

E tu spòsete all’orefice Pisapia: diciotto e trent'anne, ’o doppio ’e 11’ età. Grasso antipatico... e se ti sposa !

IMMACOLATINA

E se non mi sposa, non mi avrà toccato nemmeno la mano. (La guarda con intenzione).

IDA

Ih che pepe che hai cacciato ! (Additando il ritratto del fondo) Dovrebbe aprire gli occhi papà; sa che te direbbe !...

IMMACOLATINA

E nu fatto. Dovrebbe aprì veramente gli occhi lui: Sa che ti farebbe !

AMALIA

Ve faciarria na faccia chiena ’e pacchere a tutt* e ddoie ! Ecco: alla napoletana v”o adico. Voglio vede se la finite <A Ida) Vattenne dinte tu, andiamo ! (Pausa).

IDA fra le lagrime.

lo debbo essere sempre la martire, in questa casa. M’ aggia ntussecà tutte le feste ricordevoli.

AMALIA

Pozzo almeno sapè che canchero è stato?