Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/80

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
70
“Addio, mia bella Napoli!„

MARY scuole il capo.

CARLO

...v'aspetto. Maria... Cumme me rummanite... accussì... Fin' a mò aggio fatto casa e studio, studio e casa... E ’a primma vota... Maria... Avevo pensato di partire con voi...

MARY con slancio.

Voi, in America ?... Così fosse, amore mio I Ma ritornereste dopo un poco, auì ! Vi richiamerebbero la ver stra casetta, le vostre abitudini, le vostre canzoni!... Carlo...

CARLO toccandole i merletti, carezzandole un pò le mani, i capelli nervosamente.

No, Maria 1 È per mammà, per le mie sorelle. Cumme faccio, cumme e lasso... accussì...

MARY turbata dalle carezze di Carlo.

Ci pensate... Se si sposasse... Che sogno ! Tornare, ogni tanto... Qui... soli... soli... e stare qui... a Napoli... a Posillipo... insieme... Sentite che profumo, Carlo ?

CARLO la stringe un pò.

So' ’e rrose. E ’o mare... Cumme ve ne jate ! Cumme te ne vaie !...

MARY

Non lo so. Non lo so 1 V’ho capito ! lo andrò a casa mia 1 E la mia casa è un pò come questa. Mi contenterò. C’ è una terrazza, c’ è un giardino, c’ è un cancello... (Allunga il braccio, additando il panorama) Ma questo non c’èl... E non vedrò più nessuno di qui... e

non vi vedrò più I