Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/53

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
43
“Addio, mia bella Napoli!„

FRANCESCA

E gnossì, chillo è cumme dicimme nuie, nu piecco...

MARY intruojj.i ancora con lo sguardo Matilde. MATILDE a Mary.

%

Cumme siete aggraziata !... E uno scherzo che fanno sulle loro fisolomie...

BIANCA

Sono nomignoli che si danno fra loro... Forse perchè Totonno, tiene la testa rotonda rotonda come I' uccello... È vero ?

FRANCESCA

E gnossì... Chillo ’o piecco vene erede per erede. 1* ’accussì ’o canuscette zetella... E pe ve dfcere a vuie, ’o povero criaturo, jette pe’ zumpà a buordo e cadette.

MARY al piccino.

...Povero piccino ! Tieni, Tummariello (Gli dà dei confetti

che distribuisce pure agli altri bambini. Venuta la volta di Luigiello,

domanda). E questo di chi è figlio, questo ? Bellino...

FRANCESCA

E d’’o mio, oscellenza... Vedile... Tutto spuorco... Se mbruscinano ’int’ ’a terra... signurina mia !... Mo Ile fai nu paro ’e scarpetelle, viste e nun viste... Nuie, pare c* ’o ttenimmo... Duie pannucce ca lavammo...

MATILDE

Cu ’na canesta in testa, povera gente, saglieno e scendono Posilipo.

FRANCESCA e GIUVANNELLA

Gnorsì.