Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/49

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
39
“Addio, mia bella Napoli!„

“ ^4ddfo, mta bella Napoli f ,,

CARLO conluto, turbalo, gli stringe la mano ed infila il cancello.

MARY al piccolo tavolo scrive,

(Dal via Ir vengon voci confuta, qualche pianto di bimbo 1.

SCENA 13.*

Matilde, Ondina, il Nonno, Totonno " Cap’Au* ciello ", Francesca, Furturella, Luigiello, Giuvannella, 1 Matina matina ”, Tummariello, Nunziata.

DONNA MATILDE ci.1 vuik Fanno il loro dovere... V enite, che Miss non tiene superbia... (Entra pel .«rxrUoi Sono i vostri beneficiati... S’hanno inteso la messa con noi, poi hanno detto, dice: signò vogliamo vedere 'a signorina nosta, cumme a domenica passata... (Ride. incoraggia qurlli chemionel viale).

MARY chf avrà hmto «Ji icriver^,

...Avanti... Ci sta pure Tummariello?... i Al cancello) Avanti...

(Entra Francesca, seguila da Ondina che conduce per mano Tum~ martello, il quale ha il capo fasciato con una benda bianca; vengono poi Totonno, Luigiello che veste l'abito di San Ciro; in ultimo verranno Nunziata e Giuoannella. I popolani saranno tutti un pò timidi, impacciati^.

FRANCESCA presentando un canestràio di (rutta.

...Serv* ’o scellenza, signora Cuntessa...

GIUVANNELLA con un canestro d’uova.

...E pe’ cient’ anne I... Mamma ve sta ringrazianno

ancora pe’ cchelli cammise... Avite rinfriscata n’anelila ’o priatorio...