Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/104

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
94
Signorine

Il iA

l l|t mamma iiiim, |*urr C'iori/t, « ||j||<, tfujwlo 1

Al .lll-’.H fc )

Hrl mu.i//o d‘ingegno f... l*o»»o offrire

ilrllr i io< i nUttinr 1. *»•>•

IDA c IMMACOLATINA GllilC. t II ( «iMim» ranU)

AMALIA Che cosa sò, scusate t

ALBKRTO

Gianduia... Prego... (Oilrr) E la signorina Sisina non c’ è ? non scende ?

IDA con intenzione.

Perchè, scusate, v’ interessa J ALBERTO

A me ? No. (Si fruga con premura nella saccoccia) Domanda* VO... COSI (Il canarino cinguetta ancora)

IDA accennando all'uccellino.

Mammà, ce ’a dò na cioccolattina ? (Corre alla gabbia)

AMALIA

Nonzignore, che fai. (Ad Alberto) Che ingenuità 1 Che cuore 1 Non faccio perchè m* è figlia... ma beato chi se la prende !...

IDA scherzando col canerino.

Zzerrì... zzerrì... zzerrì...

AMALIA

Donn’ Albe, che andate trovando? Quanto siete buono 1 Confetti ? Forse avete portato pure i confetti ?