Paggena:Opere inedite di varj autori - Tomo I (1789).djvu/33

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
23
de Cola Cuorvo


XIII.

So mmierole, marvizze, piche, e zivole,
   O asce, o cuorve, o varvajanne, o ciavole
   Chiste, che sso nvezzate a ffa ssi pivole
   Co li vierze stirate co li rtravole.
Meglio vennite cicere cocivole,
   O jatevenne a carrejare tavole,
   Non facite sentì cchiù ppicce, e ttrivole,
   Che ve pozza piglià ciento diavole.
Vi che smorfie da stà a li scaravattole.
   Signure mieie, trasiteve le ppettole,
   Ca mme parite tanta sciallavattole.
Pittate nnanze a sse ttaverne, e bettole.
   Ma s’aparate sò li caravattole,
   Le ppigliarrimmo tutte sse Civettole.

XIV.

Vorria sapè, che s’hanno puosto ’n chiocca
   Sti ciucce, che non servono na tacca,
   Chi vierze pesa, e chi conciette spacca,
   Ma ’n coscienzia non sanno na spagliocca.
Sempe co Dante, e co Petrarca ’n vocca;
   Ncrosione ched è? fanno na cacca.
   Chi vò nguancià co mmico na patacca,
   Ca le voglio ammaccà la chiricocca.
Nè se vonno stipare sti scasciucche
   La canna aperta pe le ffico secche
   Si Poete d’aguanno zucamucche.
Già che bolite fa Salamilecche
   A le boste anticaglie, o Mammalucche,
   Jate a lo Culiseo, razza de Becche.

Sta