Paggena:Opere inedite di varj autori - Tomo I (1789).djvu/32

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
22
l’ Alluccate

XI.

Co sse Ilengue eh' avite a ppappagallo, Ve credite gabbà li piccerille, Jate mettenno vocca a chìste , e a chiile, Nè halite *n coscienzia pe duie calle. Cierte scapola vuoie, sferra-cavalle, So de la povesia fattese Achille, Spizzola-ntorce , scptola-vorzille , Che ve pozza vedè senza le ppalle . ’ Masto Giorgio y* aspetta; uh poverielle , Che v* ha stipata janca na cocolla Medechicchie , Pedante , e Collarielle. S* io non porto la spata , e la tracolla, Co la penna v* agghiusto pedantielìe , Ne nce perdo la coppola a la folla. • . - XII. Vide cierte retaglie de Poete, Che bonno fa lo Sinneco *n Parnaso , Ad ogne mmerda vonno dà de naso , £ addorare ogne chilieto , che ifete. Quanno sbafà le ssiente : Ora vedete Questa sciocca arditezza ? è fatt’ il caso ?- Quest’usato non ha Messer Tommaso; £ ssi non te nne fuie , no l’accojiete. Povera Poesia 'n mano a sti pazze . L’ hanno arreddutta a ghì senza cammisa Cierte ffacce proibete canazze . Nn’ hanno fatta znesesca, e 11’ hann’ accisa Sti rechiamme de scoppole, e dde mazze. Che ad ogne stranio mettono l’assisa. So