Paggena:Opere inedite di varj autori - Tomo I (1789).djvu/26

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
16
l’ Alluccate


CICCO, e RIENZO.

II.

R. Cicco aie tabacco? sto de mal’ammore:
   C. Ed è de sesca, piglia. Ma ched aje.
   R. O bene mio, ch’è buono. E nd lo ssa je
   C. Che? R. Lonzavuorio ch’aggio int’a sto core.

C. Parla, ched aie? R. Non siente sto remmore
   De tanta Petrarchiste. Coccovaje?
   C. Pote, è lo vero! che benaggia craje,
   Chettengo ncuorpo! R. E che?. C. Ciento mmalore.

Vi che bolimmo fa, ca so co ttico,
   Dammo la sporchia a ss’uomene de vrenna.
   R. E tu m’ajute? C. Affè da buon’ammico.

R. Supprecammo ad Apollo, che le mpenna.
   C. Brav’aie penzato affè, potta de nnico!
   R. Su, piglia carta, calamaro, e ppenna.

A lo