Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/39

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 34 —


So fente, e so mal erba!
Sicchè venenno al quatenus
Io t’aggio a dichiarà,
Ca tu lo patrenguanguaro
Si dell’asinità!..


LA PISCIAVENNOLA

CANZONE NAPOLETANA

So bive, mo pigliate int’a la rezza, Addorano de seuoglie e so berace, Te zompano a la faccia Oje Ni, damme tre penne, e stammo pace; Nee stanno calamare e seccetelle, Purpetielle verace, purpetielle! freschezza, pe Guardalo nfaccia no tantillo e bide Si non speresce d’essere magnato. Magnatillo purzì, si non me eride, E po mmo pave, ninno mio aggarbato! Fatte no fritto de ste seccetelle, Purpetielle verace, purpetielle! Ma ched è? tu non parle, e te staje zitto, E comm’a fuoco te si fatto russo! Mme tiene mente nfaccia fitto fitto, Mme faje lo pizzo a rriso,e alluonghe o musso: Jettate n’uocchio mmece a ste sportelle, Purpetielle verace, purpetielle!