Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/37

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 32 —

               Addiventa maligna, ciarliera,
               In amore maestra d’inganni,
               Finta sempre, civetta ed altera!
               Oggi all’un fa l’occhietto d’amore!
               Jeri all’altro giurò la sua fe..
               Chi si fida di donna nel core,
               Dimmi, forse uno stolto non è?

Mar. Caro amico, sbagliata l’aje ntunno,
               De na nenna on c’è cosa cchiù bona:
               De le cose che stanno a sto munno,
               Essa dì se potria la corona!
               Pe quarcuna che fa la cevetta,
               Pe quarcuna che fede non ha,
               Ogne femmena trista, mperfetta
               Mme vorrisse mo lloco mpattà!

Ric. Sono tutte a un modo istesso,
               Vero affetto è in lor ben raro!
               Favorito del bel sesso,
               È sol quei che tien denaro!..

Mar. Simmo nuje l’arucolille,
               Che lo tiempo pe passare,
               Che pe fa li Don Ciccille,
               Le borriamo coffiare.

Ric. Per chi tien le tasche piene
               Son tutt’alma, tutt’amore;
               Ma denari chi non tiene,
               E un birbante, un seduttore!..

Mar. Co le sacche senza funno
               Guè l’ammore non se fa;
               Nce vò argiamma a chisto munno
               La mogliera pe campà!

Ric. Dar torto a me, corbezzoli!
               Quest’è un’impertinenza!