Paggena:Nu frungillo cecato.djvu/56

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
54
nu frungillo cecato

Felice — Cioè arrubbatr, quello si chiama scherzo, c lo codice dice: che chi arrobba in famiglia non ha d?j essere condannato.

Ersilia — Seh, state frisco! io sò sicura che a chest’ora ve vanno cercanno, o pure v’hanno denunziato a la questura pe mariuole, e a momente a momente ve sentite na guardia ncuollo che v’acchiappa e ve porta a lo frisco.

Felice — Questa è anche l opinione mia.

Ersilia — Embè, vuje l’avite chiamato scherzo. Quanto v’avite arrubbato.

Felice — Na cosa de poco mumento, 6000 lire.

Ersilia — Levete da sotto! Guè, chillo me la chiama na cosa de poco momento. Uh! mamma mia, vuje sit~ precipitato. E mo che site venuto a fa ccà?

Felice — Sò venuto a ritir arme.

Ersilia — Guè s’è venuto a ritira. Chillo s’è ghiuto a divertì, mo se vene a ritira. Vuje ve n’avite da j si no v’acchiappano comme a lo sorece dinta a lo mastrillo pecchè sanno che alloggiate in casa mia, e me pozzo ncuità pur io.

Felice — Embè che volite che facesse? *

Ersilia — Vuje jatevenne pure a casa de lo diavolo, ma dinta a la casa mia non nce trasite (monta le scale).

Felice — Ma sentite?

Ersilia — Non v’arape la porta, non tozzoliate che non arape. (Mo ha da veni pure D. Timoteo.).

Felice — D.a Ersilia faciteme trasì.

Ersilia — In casa mia, non faccio trasì mariuncielle.

Felice — E io addò vaco?

Ersilia — Mmiezo a la via, cattivo soggetto, dateve dinta a la mala vita.

Felice — E se fa chesto?

Ersilia — Non sento ragione; mariunciello. (entra e chiude).

Felice — Mariunciello? io ho rubato con sudori e stenti.. No, io so rovinato — lo bello è, che si vene na guardia e mi afferra, io non lo veco manco; me ne potesse fui in America, in Africa, nel Giappone, nel Paraguai! (entra nel casotto, poi comparisce dal finestrino).