Paggena:No turco napolitano.djvu/47

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
45
atto secondo
Lisetta — lo non lo voglio, io non lo pozzo vedè, io lo volarria sparà!
Pasquale — Statte zitta, non alluccà, che chillo spara a nuie!.. Va bene, mo vedimmo che se po fà.
Lisetta — No, senza che dicite mo vidimmo, io lo contratto non lo firmo, io voglio bene a n’auto giovene, e a chillo me voglio spusà!
Pasquale — Ah! pecchesto! mo aggio capito! E chi è st’ato giovene, parla!
Giulietta — Non te mettere paura, dincello chiaro chiaro..Vuò sapere chi è? mo te lo dico io, è D. Felice!
Pasquale — Che!! D. Felice!! E a chillo te vuo spusà? (ride)
Lisetta — Si, papa, chillo me piace, o isso, o nisciuno.
Pasquale — (E staie fresca!) Figlia mia, è impossibile, levete sto pensiero da capo. D. Felice non te lo pozzo dà!
Lisetta — E pecchè? Vuie stesso avite ditto che è no buono giovene, che lo Deputato ve n’ha fatto tanti elogi.
Pasquale — Sissignore, ma come segretario non come marito.
Giulietta — E chesto che centra, quanno uno è buono, è buono sempre.
Pasquale — (Io mo che l’aggio da dicere a chesta?...)
Giulietta — Io po non capisco pecche ncè truove tanta difficoltà?
Pasquale — Pecche?... Ah, lo buò sapè? e teh, liegge sta lettera, (da la lettera che ha portato Felice nel atto a Giulietta, la quale se le mette a leggere. Di dentro si sente suonare, e dopo poche battute dt musica, Carluccio fa cessare la musica, dicendo:)
Carluccio — (di dentro gridando) Stateve zitte, non ve voglio sentere cchiù, mo ve mengo abbascio! (la musica cessa Carluccio esce con Clementina Mariannina e Angelica) D. Pascà, io intendo de parlà co buie, e seriamente, io non so fatto lo pulcenella de nisciuno. La figlia vosta se crede che ave che fa co quacce scemo, ma io non sono scemo! (gridando) (escono Ignazio, Felice —, Peppino, e i 4 impiegati)
Ignazio — Che cos’è, che è successo?
Carluccio — E succiesso ca ccà mbruoglio nc’è sotto, la sposa sta chiagnenno da stasera, l’addimmanne ched’è, e me fa no sfastidio, e che so fatto piripacchio! (gridando) Io non so piripacchio!
Felice — Pss, mo facite correre la guardia!