Paggena:No grano varva e ccaruso.djvu/46

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata lejuta
— 46 —

Lor. Gnore ri, cbisto ò eehillo signore padre de * la nuammoraia mia che ve screvctte.

Ans. Ho 1* onore di fare la vostra conoscenza. (to• glicndosi il cappello )

Pan. Sonia cerimonie, copritevi.

Ans. Per ubbidirvi, (esegue)

Pan. Lo nepoie mio nelle sue lellere mi ba rag. guagliato della buoua condotta de la fami* glia vostra..

Ans. E bontà sua.

Pan. E questo mi pare clic sla lo cchiù essenziale.

Ans. Una cosa, ia figlia mia uon tene treccaile

de dote.

Pan. Questa è ccosa che se ll’ha dda vedè isso; » Ile piace # tene la Troba soja, tene no mpie-. golillo, e isso ha dda vedè cornine IT avrà da campa. L’obbligo mio è dde vedè la condotta de la giovene, de bada la qualità de la fa- 0 miglia, e pprestà lo conzeozo: IT auto riesto ve Ilo vedile vuje e isso..

Ans. É troppo giusto: non lo (faccio pe ddicere, mia figlia è il modello dell’ onestà, e turno

lo quartiere la porla mpalma de mano.

Pan. Ilo mollo piacere; vorrei conoscerla.

Ans. Oggi se vi piace, pcrcliè mo sta a lo con* cierto.

Pan. (sorpreso)Coiiderlo! e addò?

Ans. Al Fondo. Mia figlia 6 ballerina.

Pan. Ballerina! ballerina! ( a Lorenzo ) E ttu volive che io avessi prestato lo conzeuzo a sto matrimonio? Non sia mai.

Ans. Comme! I

Lor. Che ddicile!!

Pan. Ammettere gente de teatro dint* a la fami* glia mia, mai e poi mai. •

Ans. Genie de teatro si, ma onesta.