Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/26

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
24
monsignor perrelli

Giacomino — E a vuio chi nun ve sape?

Monsignore — Segreti suggellatela e datela al Canonico.

Aurelio — (Aggio fatto chisto capolavoro).

Monsignore — Avete detto che non vi piaco?

Aurelio — Anzi dicevo che è un capolavoro.

Monsignore —Avote visto come si scrive... bollo, zucuso, zucuso... e si dice tutto 1

Baldassarrb (piano) — Filippè zi-zio è ciuccio assai, più di quello che si dice.

Filippetto (c. s.) — Voi che dite Canò? Quello è dotto assai!

Baldassarre — Ah! Beh 1 (Questo sarà il suo degno successore).

Aurelio — Ecco la lettera, sig. Canonico (gliela porge). SCENA X.

Mariannella, Domenico e detti.

Mariannella — Monsignò, vulite veni a mangià, simrae pronte (via).

Monsignore — Passiamo nella stanza da pranzo.

Filippetto — Commo. Zi Monsignò, nce facite mangià?

Monsignore — Se capisce, e che vulive sta diune?

Baldassarre — Ah 1 m’avite levate na palla ’a coppo ’o stommache.

Filippetto — Giacumine, nce aveva ditte che avevamo ia ’a prova ’e sta diune.

Monsignore — Perciò te no vulive scappà, priesto, priesto!

Giacomino — Vuie vulite fa a prova cu me, è meglio che ’a faciveve primme cu lloro.

Monsignore — Pe mo mangiammo I Pe ’a prova se ne parla appriesso.

Baldassarre (piano)—Nuie dimane nce ne scappammo, appriesso s’ ’a vodene lloro.

Mariannella (riesce) — Monsignò, fora nce sta Dummineche, ’o sagristane che ve vò parlà ’e presse.

Monsignore — Giusto in questo momento I Basta fallo trasl.

Domenico (fuori) — Monsignò currite subito abbascio ’a sagrestia! ’E mariuole hanno scalato ’o mure d’ ’o giardino, hanno scassata a scrivania vosta, e s’hanno pigliato ’o cascettino co’ tutto ’e donare 1

Baldassarre — Addio pranzo! (cade su di una sedia).

Filippetto — Avimme muri ’e famme! (fa lo slesso).

Monsignore (agitato) — Tu che dici? Là nce stevene chiù ’e cinquecento ducati, tra monete argiento ed oro; corame si fa? Sono rovinato! Quello era tutto il danaro della Chiosa!

Domenico — Sò veDute ’o Riapottore ’e pulizia cu ’e feruce, e vanno truvanno ’a vuie! .

Monsignore (che à frugalo nelle lasche del gilè) — Ah! piglio fiato! Sono salvo 1 Va bene ò cosa du niente I