Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/84

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
78
eduardo scarpetta

Bett. Songo màmmeta, la vera mamma toia!
Viciè.. (entrando) Neh, ch’è stato?... Ched’è?
Bett. Vicienzo mio, chisto m’ è figlio!... Erano seie anne che nun lu vedeva!... (al ragazzo) Ma parla!... Comme te truove dint’ ’a sta casa?
Pepp. Vicienzo, m’è patre a me! (Felice) stupefatto, sorpreso, salta su una poltrona).
Bett. Viene!... Vieneme conta tutte cose... figlio mio! (via col ragazzo dal primo uscio a sinistra).
Viciè. Principe, scusate!... Chillu guaglione m’è figlio!
Fel. (si butta giù dalla poltrona, e si precipita addosso a Vicienzo) Figlio!!! (cala la tela).


fine dell’atto secondo