Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/40

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
34
eduardo scarpetta


a te. Noi non vogliamo distogliervi da quello che avete stabilito.
Eug. Dunque, a rivederci domani.... Carissimo D. Pasquale!
Pasc.Caro marchesino.
Eug. E di nuovo grazie, grazie, grazie. (stringe la mano a Pasquale).
Pasc.Niente, niente, niente (Eugenio via).
Luis. Guè!... Vi ca sta vita nun me fido de la fa cchiù, perciò vide chello che haje da fa, spigneme tutto chello che tengo mpignato, pecchè me ne voglio ji.
Fel. Luisè, t’aggio ditto tanta vote nun m’annummenà li pigne, pecchè me ne faie ji de capo! Tu saie comme steva, e si me facevano impressione li pigne tuoie!... Chi sente ogni tanto sti pigne, va trova che se crede. Pe spignà tutte cose, che nce vo’?.... Quarantasette franchi miserabili!
Luis. E quanno te servettene nun erano miserabili?
Fel. Me servettene pe te dà a magnà, capisce!
Luis. E chi te l’ha fatto fa? Quanno io aveva da magnà cu li pigne mieie, nun steva suggetta a te!
Pasc.Va buono, fernitela!
Fel. Mannaggia la capa mia, mannaggia!(si strappa dal petto un lembo del soprabito).
Pasc.Oh, haje fatto chesto!
Fel. Nun fa niente, era la sacca pe li sicarrette. Chella, me lu diceva Bettina muglierema: na femmena comme a me, tu nun la truove!
Luis. E se capisce che nun la truove comme a mugliereta!
Fel. Pecchè? Che le vuo’ dicere a chella? Statte