Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/39

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
33
miseria e nobiltà

Eug. Ma che cavaliere! È un titolo che si è dato egli stesso.
Pasc.(leggendo) «Riviera di Ghiaia, Numero 155, primo piano nobile » (mette il biglietto di visita sul tavolino. Luisella lo prende) Oh! marchesi’, n’auta cosa: comme venimmo llà?.. Nuie stamme de chesta manera!...
Eug. Oh! si capisce, penserò io a tutto! Domani verrò con tutto quello che occorre.
Pasc.Ah! mo’ va bene.
Fel. Ma scusate, arrivati llà, noi che dobbiamo dire?
Eug. Lo saprete domani, perora lasciatemi andare. Vado a scrivere una lettera a Gemma per prevenirla di tutto, e vi ringrazio di cuore del gran favore che mi avete fatto.
Pasc.Ma voi siete il padrone di tutto il mio sangue, del sangue di mia moglie,di mia figlia, de lu sango...
Fel. (canzonando) ’E puorco!... De lu sango ’e puorco !.. (Eugenio fa per andarsene).
Luis. Marchesi, scusate, quanto ve dico na cosa.
Eug. Parlate.
Luis. Questo signore, che deve essere il principe di Casador, vostro zio, non vi ha detto che tiene una moglie, la quale sono io... M’avarria purtà pure a ire, nun ve pare?
Eug. Mi dispiace, cara mia, ma non è possibile. Saremmo troppi... E poi mia zia, la principessa di Casador, si trova gravemente ammalata, e tutti lo sanno... Malattia di petto!.. È un anno che non esce di casa.
Fel. Nonsignore, chella ha pazziato, va llà, vattenne! Si lu marchesino puteva, t’ avarria fatto venì pure