Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/25

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
19
miseria e nobiltà


toia! Si nun avisse jucato, si nun te fosse piaciuto lu vino, mo’ tenarrisse ancora la puteca de salassatore.
Pasc.Tenarria ancora la puteca de salassatore? E che l’aggio levata pe causa min la puteca? E’ stata l’epoca ca s’è cambiata!.. So’ state li miedece che hanno rovinata l’arte nostra! Non più salassi, non più salassi, non vi togliete sangue! E nce hanno fatte ji sotto e ncoppa a nuie puverielle, e intanto siente morte repentine ogne ghiuorno. E perchè? Per l’abbondanza di sangue. Hanno fatto male a la gente e a nuie! Io quanno sente na morte de subito, ah, me recreo tutto quanto!... È muorto lu si’ Ciccio, lu putecaro, de subito, bene!— È muorto lu si’ Pascale, lu canteniere, de subito, benone! Si se salassavene nun murevano. Nuie sta morte certo nun la facimmo.
Conc. E che buò muri de subito! Nuie murimmo de debolezza. Nun me dispiace pe me, ma pe chella povera criatura! (una pausa).
Pasc.(a Concetta), Lu sapunaro è passato?
Conc. Nun ’o ssaccio! (di malgarbo).
Pasc.(a Pupella piano) Felice s’è ritirato?
Pup. No ancora.
Pasc.Figlia mia, agge pacienza, core de papà tuio. Chillo mo’ vene Feliciello, porta quacche cosa de denaro, e io te faccio magnà... Tanta vote nce l’aggio prestato io a isso — Tiene famma assaie?
Pup. Assaie!
Pasc.Lascia crescere, è segno di salute.
Conc. Poco primma è benuto D. Giacchino lu patrone de casa, e mo’ se n’è ghiuto.