Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/19

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
miseria e nobiltà

Pup. Pe la primma cosa, mi pare che non ci sta nessuna difficoltà... vuie avite pututo vedè se io ve voglio bene o no... (D. Giacchi’, pigliateve lu ventaglio). Ogne ghiuorno site stato n'ora fermato mmiezo a la strada, de rimpetto a la fenesia mia, e io, o chioveva o faceva friddo, so’ stata llà affacciata senza me movere. Pare che chesta sia na prova che ve voglio bene, e mo’ cchiu ve ne voglio, pecchè aggio ntiso che vulite parlà cu mammà e cu papà.
Luig. Oh! brava! brava chella Pupella mia!.... Ma perchè nascondi quelle belle manine? Fammene baciare una, bellezza mia!
Pup. Oh! chesto po’ no, scusate... quanno avite parlato cu mammà e cu papà, si loro vonno, ve la faccio vasà.
Giac. Eh! mi pare che sia regolare.
Luig. È giusto, bellezza mia, e io ti giuro che farò tutto quello che vuoi tu. Ma perchè tieni questa faccia così pallida? Forse è la passione che tieni per me, o ti affligge qualche altro pensiero? Parla!
Pup. No, vedite... io sto sempe accussì... a li vvote tanto della faccia bianca che tengo se credene che io sto malata, mentre io sto benissimo! Non è vero D. Giacchi’?
Giac. Ah, sicuro!.. (D. Luigi’, chella se more de famma, la mamma è ghiuta a fa nu pigno pe le portà duie maccarune e na custata!) Luig. (Voi che dite, bellezza mia?!.. Come quell’angioletto si muore di fame? Possibile!)
Giac. (Se more de famma, bellezza mia!)
Luig. (E io tengo quattro soldi!)