Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/109

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
103
miseria e nobiltà

103 Luis, ((/ridando) No, ve In dico pure abbascio! Fel. (gridando) Statte zitta Pasc. (gridando) Si’ stata sempe na zantraglia!... I uis. gridando) A me zantraglia?! (si azzuffano"urlando e strepitando, e nella zuffa Felice perde uno .-■.lei suoi baffetti finti.) SCENA IX. Gaetano, Gemma, Luigino e Pupella, dal giardino-, \ icienzo? * 11’acciuno dal fondo’, indi Ottavio, Ehgenio e detti. . taer. Guè, oli!... 1*, du* starnino abbascio a Ili L#aven&rol (accorrono tutti gli altri e riescono a separarli) Giac. Ch’è slato?... Se sentono li strille da vascio? Gaet. (guarda Felice che ha un baffo solo) Che!.,.. Principe!... se n* è caduta na mignatta!.., 14el. (sorpreso, avvicina la mano alle labbra, e gira intorno a don Gaetano) (ìaet. Mò lu va truvanno da dereto a me! Fel. (a Gaet.) Forse, chi sa... qualche mossa di sangue!.. Gaet. Eli!... Ma che è stato, principe, marchese... Luis. Vuie qua’ princepe?.. Qua’marchese?...Signò, vuie che dicite! V* hanno mbrugliato!.. Chiste so’ quatte disperatune! Uno è D. Felice Sciosciammocca u scrivano, e 1* auto è D. Pascale lu salassatore! Gaet. Ché! Luis. Nu certo D. Eugenio, che fa l’ammore cu la figlia vosta, 1’ ha fatte travestì de chella manera pe ve putè mpapucchià, e io me so’ finta princepessa, pe scummiglià tutte cose! E vuie ve l’avite