Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/53

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 55 —

Lo primmo chirchio è tutto de violiente,
Ma pecchè se fà forza a tre perzone,
Attuorno tene tre scompartemiente.
A Dio, a sè, e a tanta perzone
Se pò fa forza, e nfra le lloro cose;
Lo ssentarraje co aperta ragione.
Morte pe forza, e ferute dogliose
A lo prossemo nuosto già se danno,
E 'ncendie, ed arroine assaje dannose.
E li mmecidiante ccà nce stanno,
Li guastature e autre appatentate,
Dinto a lo primmo giro jastemmanno.
A lo secunno giro trommentate
Nce stanno chille contro a lloro stesse,
Ca se songo li juorne già levate.
E nfra diebbete, guaje e cchiù cconesse
Pe lo juoco già ognuno nc'esce pazzo,
E ognuno chiagne si dolore avesse.
Ccà no Dio se tene qua pupazzo
Negannolo a lo ntutto pe dolore,
Facennole d'affese no scamazzo.
E fenesce a lo chirchio llà minore
Co sodomiste e co l'ausurare,
E co chi, a Dio non crede, e parlà 'ncore.
Lo latrocinio pò l'ommo ausare
Co chi se fida d'isso co la prova,
E co chi d'isso non se sta a fidare.
A chisto muodo ognuno scanna e nchiova,
Accedenno l'ammore de natura,
E a lo secunno chirchie ccà se trova.
'Nganno, fenzione e porzì chi affattura
Arruobbe, fanzetate e semonia,
Ruffiane, ausurare, autra lordura.
E se scorda l'ammore a sta pazzia,
E chello che natura lle sedogna,
Da do se crea la fede pe la via.