Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/52

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 54 —


CANTO UNNICESEMO

ARGOMIENTO

Dante e Vergileo parlano de l'autri tre Circole de lo Nfierno, e de la ggente che nce vene dinto casticata. Comme l'ausura affenne a Dio. Partenza de li Poete da lo luoco addò songo state pe tutto chisto Canto, arrivanno a lo punto addò scenne la riva.


De na ripa sagliettemo a la cimma
Co prete rotte tonne, e llà cojeto
Jette ncopp'a no monte de taglimma.
Tanto era forte ccà no gruosso fieto
Ch'ascea da lo sprofunno cchiù vicino,
Che a no copierchio nce mettimmo arreto
De na fossa, addò steva scritto fino:
Papa Antastasio io ccà guardo e commoglio
Che da la ritta vija levaje Fotino.
Chiano da ccà io scennere mo voglio
Nfì che lo naso nce avrà fatto l'uso
A chesta puzza, e pò la vita te coglio.
E io le dicette: Masto si ccà nchiuso
Io sto co tte, lo tiempo non perdimmo,
Nce sto penzanno, disse curiuso.
Dinto a ste pprete che nuje ccà vedimmo
Dicette: ccà tre circole nce stanno
A grade a grade, comme da dò ascimmo.
De spirete mmarditte chine vanno:
Ma si t'avasta mo pure la vista,
Te dico pecchè se stanno abbraccianno.
D'ogne malizia, ch'odio 'ncielo acquista,
Ngiuria è lo fine e a ognuno sta a ffà male,
E o co forza o co arruobbo lo contrista.
De l'ommo male è arruobbo pure, e tale
Che spiace a Dio, e sotto fravoliente
Nce stanno e chiù dolore pò l'assale.