Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/42

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 44 —

Tutte strellavano : A Felippo Argente:
Che mmiezo lo cerviello nce perdette,
Che nfra d'isso votava co li diente.
Ccà lo lassajemo, e chiù non ne dicette,
Io che sentette forte no dolore,
E ghieva nnanze, e l'uocchie llà arapette.
E lo Masto dicette a sto rummore:
Mo vene la Cità, che à nomme Dite
Co chille, ch'ànno ruospe int'a lo core.
Ed io: Si Masto già le soje meschite
Llà dinto a chella valle de pepierno
Io veco rosse pe tutte li site.
E mme dicette: ccà lo ffuoco aterno
L'affoca dinto e ffà parerle rosse
Comme tu vide a chisto vascio 'nfierno.
Arrivajemo pò dinto a le ffosse
Ch'erano nchella terra sconzolata:
Na muraglia parea, che fierro fosse.
Non senza primma farce na girata
Arrivajemo addò, strellava forte
Lo marenaro: ascite, ccà e la strata.
Vedette mille e cchiù ncopp' a le pporte
Chiovute da lo cielo, e' mpertinente
Diceano: chisto chi è, che senza morte
Va pe lo regno de la morta gente?
E lo si masto mio le fece segno
De volerle parlà segretamente.
Se ficero passà tanno lo sdegno
Dicenno: ma tu sulo e non già chillo,
Che trasìe facce-tuosto' nchisto regno.
Se ne tornasse arreto sto nennillo
Accossì prova si ccà restarraje
Ca o portaste pe a via de lo tentillo.
Penza lettore se io me sconfortaje
Sentenno le parole soje mmardette:
Che non credette de tornarce maje.