Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/145

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 147 —

Io non saccio chi si, nè vao penzanno
Pecchè si sciso ccà, ma Sciorentino
Mperò mme pare quanno staje parlanno.
Sacce che io fuje lo Conte Ucolino,
E chisto è l'Arciviscovo Ruggiere,
Mo te dico pecchè nce sto vicino.
Pe causa de li suoje male penziere
A fidareme d'isso mme so mmiso,
Anfì che songo muorto, e pare ajiere.
Mperò si tu non àje mo ccà già ntiso
Che morte fice ccà, si tiempo scorre,
Mo sentarraje si m'à affeso, o mpiso.
Da na fenesta dinto de la torre,
Ca pe me mo se chiamma de la famma,
E addò gente starranno qua savorre,
Lo tiempo me mmostaje che scorze a rramma,
Quann'io comm'a stonato mme sonnaje
De lo ffoturo, ca mme sceta e chiamma.
Chisto qua Màsto mio me se mmostaje,
Lo Lupo e lupecielle avea cacciate,
Pe quale Pisa a Lucca non amaje.
Co li puopole tutte nfuriate
Gualandì co Sismonde e co Lafranche
Ruggiere defenneano, ma arraggiate.
Ma appena curze mme pareano stanche,
Lo patre co li figlie, co le zzanne
Me parea de vederle dà a li scianche.
Quanno pò mme scetaje nfra sti malanne,
Nzuonno li figlie mieje co ppicce e lagne
Voleano pane, pane non trovanne.
N'arraiso tu mo si, si non te fragne,
E a chisto core mio schitto penzava;
E si non chiagne mo tu quanno chiagne?
Scetàte tutte, ll'ora se mmostava
Che lo ppane portato primma nc'era,
Perzò passata, ognuno dubbetava.