Paggena:Flik e Flok - Luigi Campesi.djvu/9

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 9 —

me maltratte, ma però subeto che addeventa dottore, te voglio fa vedè la differenzia che passa fra me, e te; t’impalmicchierò.

Celes. Vattenne, và arrecchisce a n’auta.

Giov. E già, tu po capive lo buono* la donna sempe al chiaror piglia munnigìia.

Celes. E zitto, ciuccio, vide che non ne dice una sana.

Dor. Levamme sle chiacchiere, eghiammo fora a

lo giardino a divertirci, che subeto che vene Giacomino volimmo magna, e non pensa a guaje.

Tutti Evviva la gnora. (Si avviano. Celes. e Giov. dopo che sono passati i contadini, appoggiando la vecchia entrano, quzs? ultimo fa sempre lazzi con Celestina e Dorotea. la scena resta un momento vuotaj indi

Scena Sff.

Giacomino, poi Nicola con baliciotto, e mandolino.

Giac. (concentrato) Tirare nnanze de sta manera,

L cosa proprio che chiù non và,

Fatiche e stiente de juorno e notte,

E disperato sempe aje da stà*

È cosa proprio de nfracetare,

De faccia nterra priesto sonà.

Cornine s’agghiusta chesta facenna,

Nè cornine nnanze s’à da tirà? (resta pensoso)

Aie. (di dentro) Giacomi?

Giac. (meravigliato) Possibile!

Nic. (c. s.) Giacomi?

Giac. Chiù non me nganno, chisto è Nicola ( per incontrarlo)

Nic. (che sarà uscito un momento prima)

Lo compagnone tuio de scola,

Che frije, more, pe t’ abbraccia.

(«’ abbracciano)