Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/393

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
385

miette dinto a na cazzarola, o no tianiello, nce miette no poco de crisceto, e la vuote co acqua cauda, e farraje na pasta molla, po la farraje stà appena a calore de fuoco, pecchè chella accossì cresce, e vidarraje quanno è cresciuta, che se fanno ncoppa tanta mbolle; quanno è ora de lo pranzo piglia l'arenghe, o le sarache a mez'a meze, le mbruoglie dinto a chella pastetta, e li frie dinto a l'uoglio vollente, che venarranno abbuffate, e jonne.

REGOLA OTTO.
PIATTE D'ERVA.
Molignane a la parmisciana.

Piglia chelle belle molignane nere, ne lieve la scorza e lle faje fel felle, po le miette ncoppa a lo bancone a solare, a solar e co lo sale pe miezo, e no mortaro ncoppa pe pisemo pe nce fà scola chell'acqua amara; doppo le spriemme bone, e le farraje fritte, e po l'accungiarraje dint'a no ruoto a felaro a felaro, co lo caso grattato, vasenecola ntretata, e brodo de stufato, o co la sauza de pommadore, e co lo tiesto ncoppa le farraje stufà.

Molignane mbottunate.

Farraje le molignane fritte com t'aggio ditto ncoppa, e mmiezo a doje felle nee miettarraje caso, e ova sbattute, no poco de presutto ntretato, e le tornarraje a friere, acciò se pozza cocere l'uovo, e lo caso, si po le volisse doce, dint'a lo caso, e l'uovo nce miette no poco de zuccaro, co no poco de cannella pesata: po l'