Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/383

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
375

nce miette lo sale, e lo pepe, e doppo l'arravuogliarraje co chelle stentina, e farraje tanta na cosa grossa, che si chiamma stenteniello, e n'auto terniene porzì, che no me vo venì a mente, anz na vota me l'allicordaje, e na perzona redenno me strellaje, e pecchesso me l'aggio scordato; doppo che l'aje arravogliato la nfile pe luongo a lo spito nfocato, e ncoppa a la gratiglia pure nfocata lo faraje arrostere bello bello; t'aggio da dicere, purzì che quanno vuò fa chisso piatto t'aje da scetà matino pecchè nce vo tiempo, e tiempo assaje pe lo cocere.

Arrusto d'agniello.

L'arrusto d'agniello, lo meglio sonc li quarti de dereto, o pure tutto sano, siano l'uni, che l'auto sempe l'aje da nfilà a lo spito e lo farrai cocere comm'a li pulli arrostuti.

Costate de vacca arrostute.

Chisto è no bello arrusto, speciarmente quanno so tutte vacante; quanno l'aje accattate, ncoppa a lu bancone, le pulizze pecchè sempe nce stanno chelle botte de lo bancone de lo chianchiere, ne taglie chillo niervo, che nce sta attuorno, ca si no ncoppa a la gratiglia tutte s'arrepecchiano, e com sai le cose arrepecchiate non so mai bone; quanno sonc'a meza cottura nce faje na sodonta de lardo pesato co sale, pepe, e petrosino ntretato, e le farraje cocere soave soave.

Può fa purzì n'arrusto de scorze, e cheste se fanno pure de la stessa manera.