Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/380

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
372
Zizza fritta.

Volluta che avarraje de la stessa manera la zizza la farraje a felle, ma t'arraccommanno, che quanno fai lle felle sieno acconce, e uguale ca pareno brutte alla vista chelle felle de zizza storte, e sconceche; farraje no sbattuto d'ova, l'arravuoglie dint'a lo sciore, chelle ffelle e po dint'all'ova, e cola nzogna le farraje fritte jon, jon.

Trippa, de tutte manere.

La trippa doppo che l'haje lavata bona, bona, e chiù de na vota la faje cocere cagnannoce l'acqua, e chella che nce miette sia sempe vollente; quanno s'è cotta la farraje tale, e quale com t'aggio ditto pe la zizza.

Bottune de Piecoro.

Piglia li bottuni de piecoro, ma li chiù gruossi, pecchè quanno so piccerilli, sanno sulo de pecorimma, e no teneno nisciuno sapore; ne lieve chella pelle che hanno attuorno, li lavarraje, e nce darraje na scaudatella, doppo li miette dinto all'acqua fresca, e quanno se sonc arrefreddati, co lo cortiello nce faje no piccolo ntacco pe levarene n'auta pelle chiù peccerella, che pure teneno attuorno, li farraje a quart, e li può apparecchià tale, e quale comma la zizza, e ne può fa pure no piatto ncassuola comma li pulli e nteriora de pulli ec.

Porpette a lo tiano.

Piglia no ruotolo de' na bella fella de coscia