Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/373

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
365

quanno te pare ca se so cuotti leva subito la caudara da lo fuoco, e nce miette n'arciulillo d'acqua fresca, po le menieste facennoli scolà buoni, mbrogliannoli de caso viecchio, e provola, e quant'aute sciorte de caso so, chiù benene buoni, lli miette a filaro a filaro, o dint'a na zoppiera, o a no vacile co lo brodo russo de lo stufato, e si po le miette ncoppa a la cenisa a stufà se faranno belli rus rus.

Invece de lo brodo de lo stufato se ponno accongià pure co lo brodo de pesce, e se ponno fa pure co la sauza de pommadoro; li può fa pure co caso e ova sbattute.

Viermicielli co le pommadoro.

Piglia quatto rotola de pommadoro le taglie ncroce, ne lieve la semmenta, e chella acquiccia, e le fai vollere, quanno se sonco squagliate le passarraje pe lo setaccio, e chillo zuco lo farraje stregnere ncoppa a lo fuoco mettennoce no terzo de nzogna quanno la sauza s'è stregnuta justa, scaudarraje doje rotola de viermicielli vierdi vierdi, e scolati buoni li mbruogliarraje dint'a chella sauza, nce miette lo sale, e lo pepe, e a calore de fuoco li farraje sta pecchè accossì s'asciuttano e ogne ntanto nce farraje na votata quanno se so tutti sciuoveti li siervarraje.

Lasagne.

Chisto è no piatto che se fa spisso lo Carnevale. Piglia a lo maccaronaro de vascia a lo Pennino chelle belle tagliarelle larie, che pareno fettucce de fianda (vi ca a cheste nce vo chiù acqua