Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/372

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

364

mesurelle d'uoglio e lo farraje zoffriere dint'a no tìano, petrosino ntretato, nce miette na carrafa e meza d'acqua, e quanno volle nce mische li ciceri e lli ffarraje ncorporà; ntratanto scauda doje rotola de tagliarelle, e quanno so cotte, ma verde verde, le mbrogliarraje dint'a chillo brodo co li ciceri e le farraje quaglià no poco, e accossì la servarraje sta menesta.

Li tagliarelle le può cocere pure dint'a li ciceri, mperò, mettennoce chiù acqua.

Menesta de fave secche.

Piglia doje mesure de fave secche, ma spugnate, ne lieve co lo cortiello tutti li nasilli e po le scandarraje, quanno se so cotte si è lo tiempo de le pommadore farraje no poco de chella sauza acconciata, o co la nzogna, o co l'uoglio e na cepolla ntretata zoffritta, e dinto llà nce vuote le fave, si po no nce so le pommadore le farraje sole co la cepolla zoffritta.

Maccarune de tutte manere.

Li maccarune pure passano pe menesta, t'arraccomanno mperò de li cocere vierd, vierd, menannoli dint'a la caudara quanno volle justo mmiezo (e t'aggio da dicere no despietto, che fece na vota no cuoco a lu Patrone, che faceva manciarli li maccarune levannole lu sapore, pecche li menava dinto a la caudara primma che bolleva, e accossì ne levava tutto lu sapore pecchè chilli maccarune venevano tutte ncollusi, e io pe bedè si n'era lo vero chesto che m'avevano ditto volette na matina farne la sperienzia, e bedette la verità)