Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/370

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

862

otto rotola, li munnarraje, li lesserai, li scaudarraje, e po li buotarraje dint'a la sauza de pommadore acconciata, o ca no terzo de nzogna, o co tre mesurelle d'uoglio.

Menesta de fasuli sicchi.

Pe 12 perzone piglia na mesura, e meza de fasuli, e li farraje cocere dinto a na caccavella mproporzionata chiena d'acqua fresca, quanno sonc'arrivati a meza cottura ne lieve chell'acqua, e nce miette l'auta mperò vollente ca sinò se ncrodulesciene, nce miette tre mesurelle d'uoglio fino, n'aglio, petrosino, acci, o fenucchi, chello che chiù te piace, sale pepe o pure no paro de peparuoli forti, e accossì lli ffarraje fenì de cocere.

Menesta de Nnemmiccoli.

Pe lo stesso nummero de perzone piglia na mesura, e meza de nnemmicoli, ma de chilli janchi, pecchè nce stanno pure li niri, e fanno lo stesso affetto de li pesielli (chisti po no nce vo niente pe li canoscere, t'arraccommann'a S. Lucia, e vide si so janc'o niri: abbada purzi si nce stanno li pappici, e chesto pure non nce vo niente pecchè se vedono le pertoselle); lli miettarraje a bollere co l'acqua fresca com pe li fasuli sicchi; nce mutarraje l'acqua, pecchè la primma se fa nera, e primma che se fenescono de cocere, nce miette doje, o tre grana de vorracce, l'uoglio, o la nzogua, lo sale, lo pepe; e quanno li menieste sotto e ncoppa a la zuppiera nce può mettere pure tanta felle de pane fritto.