Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/14

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
14

C. de N. Ma nfradetanta non se potarianno a lu mmanco mpedì tanta sciaparie, tanta scritte senza sale, senza coda e senza lu senso comune?

Seb. E lassammole fa sti Nufrie Galeote resuscetate, che aunite a quà stampatore affritto core, s’abbuscano quaccosa, e scialacquano a la varva de chi s’accatta le scartoffie.

C. de N. Ma fora da li staniere che se diciarrà leggenno chesse ccose lloco?

Seb. E che nc’ann’ a dicere? Leggiarranno tanta cose accellente, e quaccosa de nsulso. Tutte avarriana a esse saccente e addotte e na Nazione? T’allecuorde de chillo tale, ca domannato d’addò eva, respose — Pe tutto nce sò li bbuone, e li cattive, so de Lucca pe sevrireve — Ma a nnuie nc’avarranno d’ammerà, e mettirese lengua nganna, truvanno co la valanza sempre scenne da la parte de lo mmeglio. Leggiarranno co maraveglia tanta giurnale addotte, e mparticolare l’addottisemo ntetolato la voce de lu Puopolo.

C. de N. A la bon ora; ma io nomperzò vao pensanno de me fa n’auto viaggetto a le Provencie. Portarraggio le