Paggena:Altavilla - No testamiento capricciuso.djvu/5

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.



ATTO PRIMO


Semplicissima camera con due tavolini con lumi; in fondo una finestra.



SCENA I.

Totonno, poi Rosina, quindi Rocco e Luigi.

(nell'alzarsi la tela odonsi voci al di dentro)
Evviva Perzechella, evviva la spoàa!

Tot. Mannaggia ll’anca de li canniccbie! sti sciate fraterno addò ll’ è ggbiuto a ppiscà?

Ros. Totonno, Totò: cbesta è briogoa, sa; lo vino va mancanno, vide de manna a ppiglià JJ’ auto.

Tot. É gghioto Francisco a ccbiammà lo notaro, e ordina ccbiù bino e mmarvasia: ma bonora! chiste se lo gghiettano ncuorpo senza sparagno.

Ros. Vi mò: Francisco frateto è ccosetore, e ll’ è benuto ncapo de fa no mmito sbafante...si la * cosa se fosse fatta ntra de nuje...

Tot. Vuje non ne parlate...sè, na meza de quatto I se nzorava Ciccillo Campaniello...

Ros. Francisco, vuoje dicere?